BENEDETTA BIANCHI PORRO

La grande famiglia dei suoi amici sparsi per il mondo attende con trepida speranza che la Chiesa, che l’ha già dichiarata Venerabile con Decreto del dicembre 1993, voglia annoverarla presto tra i suoi santi.

 (dal sito  http://www.stpauls.it)

 

Benedetta Bianchi Porro viene alla luce a Dovadola, in provincia di Forlì, l’8 agosto 1936. Appena nata è colpita da una emorragia e la madre le conferisce il battesimo di necessità con acqua di Lourdes. A tre mesi s’ammala di poliomielite che le lascia la gambina destra più corta, crescendo dovrà portare una pesante scarpa ortopedica. I bambini la chiamano "la zoppetta" ma lei non si offende: "Dicono la verità".

Nel maggio 1944 nella piccola Chiesa dell’Annunziata a Dovadola fece la prima Comunione. Le regalano in quell’occasione una corona del Rosario che avrà sempre carissima, non se ne staccherà mai. Un giorno, da studentessa universitaria, le capiterà di perderla per poi ritrovarla fortunosamente, e la sua gioia sarà incontenibile: "Che è mai tutto il resto – risponde a chi gliene domanda il motivo – in confronto alla mia corona!"

Il padre, che è un ingegnere termale, nel ‘51 porta la famiglia a Sirmione, sul lago di Garda. Benedetta frequenta il liceo classico a Desenzano. Tornando da scuola, un giorno annota nel suo diario: "Oggi sono stata interrogata in latino: ogni tanto non capivo quello che il professore mi chiedeva. Che figure debbo fare ogni tanto! Ma che importa? Un giorno forse non capirò più niente di quello che gli altri dicono, ma sentirò sempre la voce dell’anima mia: e questa è la vera guida che devo seguire".

Secolari cedri del Libano accolgono i visitatori all’ingresso del parco della Badia, il complesso benedettino del XII secolo al cui interno riposano le spoglie mortali di Benedetta.
Secolari cedri del Libano accolgono i visitatori all’ingresso
del parco della Badia, il complesso benedettino del XII secolo
al cui interno riposano le spoglie mortali di Benedetta.

Già da qualche tempo aveva dovuto indossare un busto ortopedico per evitare la deformazione della schiena, a cui adesso si aggiungeva anche una incipiente sordità. Ma Benedetta non se ne cruccia più di tanto. "Che cosa meravigliosa è la vita", dice, e fa tanti progetti per il suo avvenire: "Vorrei poter diventare qualche cosa di grande…".

Nel ‘53 si trasferisce a Milano per frequentare l’università: sceglie Fisica per compiacere il padre, ma la facoltà non le piace e cambia dopo un mese passando a Medicina. È convinta che la sua vocazione sia quella di dedicarsi agli altri come medico. Negli studi è molto brava, ma la malattia avanza, inesorabilmente.

"Non si è mai visto un medico sordo!", le grida un giorno infuriato il titolare della cattedra di anatomia scagliandole il libretto per terra. Benedetta non si arrende, ma continuare è duro. "Mi sembra –lei scrive di essere in una palude infinita e monotona e di sprofondare lentamente…".

Speranze, rinunce, ribellioni, una lunga via crucis di interventi chirurgici, fino alla diagnosi che lei stessa formulerà per prima: neurofibromatosi diffusa o morbo di Recklinghausen. Un morbo rarissimo e incurabile che progressivamente la priva della vista e dell’udito, del gusto e dell’odorato immobilizzandola in un letto.

Benedetta allora era sola, Dio non era ancora il suo sostegno. Sono giorni difficili, rischiarati appena dall’amicizia con una ragazza, Nicoletta, che di lì a poco tempo dopo partirà missionaria. Chiusa nella sua stanza, paralizzata a letto, la giovane inferma vive giorni di buio e di lotta. Il dolore è il suo pane quotidiano.

Anche Benedetta, come migliaia di pellegrini infermi di ogni parte del mondo, si recò a Lourdes per chiedere la grazia a Maria: ottenne la guarigione interiore. Anche Benedetta, 
come migliaia di pellegrini infermi 
di ogni parte del mondo, 
si recò a Lourdes 
per chiedere la grazia a Maria: 
ottenne la guarigione interiore.

Crocifissa nella gioia

Nel maggio del ’62 Benedetta va a Lourdes col treno bianco dell’UNITALSI, un viaggio lungamente desiderato. "Attraverso un periodo di aridità, spero di passarlo con l’aiuto della S. Vergine che è la più dolce delle madri". Piena di fiducia nella Consolatrice degli afflitti, Benedetta ha un sogno: "Desidero guarire per farmi suora. Ho fatto voto".

Ma altri erano i disegni di Dio su di lei. La seconda volta che ci va, l’anno seguente, il miracolo di Lourdes sarà la scoperta della sua vocazione: la croce. "Dalla città della Madonna – scrive a un’amica – si torna nuovamente capaci di lottare, con più dolcezza, pazienza e serenità. Ed io mi sono accorta, più che mai, della ricchezza del mio stato, e non desidero altro che conservarlo. È stato questo per me il miracolo di Lourdes, quest’anno".

Giorno dopo giorno Benedetta si apre all’azione della grazia in un sofferto cammino di fede e di abbandono che la purifica e la rende una creatura che lentamente si spoglia di tutto per divenire dono per gli altri. Tanti le scrivono o vanno a trovarla, in quella stanza dove lei consuma la sua offerta trasformandosi come l’ostia sull’altare.

Benedetta scrive molte lettere, risponde a tutti, da sola finché può farlo e con molta fatica, con la sua scrittura sempre più incerta e tremolante, in seguito con l’aiuto della mamma attraverso un alfabeto muto convenzionale i cui segni venivano formati sul suo viso con le dita della mano destra, unica parte del suo corpo rimasta sensibile.

La sua cameretta diventa un crocevia di vite e il suo letto un altare attorno al quale si crea uno straordinario cenacolo d’amore: ragazzi e ragazze che da lei ci vanno non per pietà, ma per quello che da Benedetta riescono ad imparare: un amore grandissimo per la vita. Una suprema lezione di fede e di coraggio proprio da lei, nella sua carne offesa e umiliata, nella sua infermità: è il "mistero" di Benedetta.

"Prima nella poltrona, ora nel letto che è la mia dimora – lei scrive – ho trovato una sapienza più grande di quella degli uomini. Ho trovato che Dio esiste ed è amore, fedeltà, gioia, certezza, fino alla consumazione dei secoli...". Il mondo di Benedetta, il suo mondo interiore, affascina quelli che la vanno sempre più spesso a trovare. I suoi pensieri, "dettati" alla madre, sono come perle di luce che, riflettendo Dio nella sua anima, affacciano su di un abisso vertiginoso, una dimensione "altra", intraducibile, che ha il sapore dell’eterno. Frammenti d’interiorità che, consegnati ai suoi testi oggi tradotti in tutto il mondo, hanno incendiato il cuore di tanti, sacerdoti e artisti, medici, scrittori, ammalati e detenuti, tutti conquistati dal suo messaggio semplice e commovente: abbandonarsi a Dio totalmente e godere della gioia che nasce da questo abbandono.

Il dolce segno di Maria

"Tutta la vita di Benedetta – afferma don Divo Barsotti – sembra più o meno coscientemente modellarsi sulla Vergine, ritta, sulla montagna, ai piedi della Croce". Bisogna infatti guardare al suo rapporto con Maria per riuscire a comprendere il suo singolare cammino di fede e di santità. Maria le è maestra: alla scuola del Calvario come a quella del Magnificat. "Il dolore è stare con la Madonna ai piedi della Croce", lei dice. "Prego molto la Madonna. Lei conosce cosa sia soffrire in silenzio... Nelle prove mi raccomando alla Madre che ha vissuto prove e durezze le più forti, perché riesca a scuotermi e a generare dentro il mio cuore il suo figlio così vivo e vero come lo è stato per Lei".

La prima volta andò a Lourdes per chiedere di guarire, la seconda volta per pregare per gli altri, perché, come diceva lei, "la carità è abitare negli altri". "La Madonna confesserà poi al ritorno – mi ha ripagato di quello che non possiedo più…". Ha ottenuto infatti la cosa per lei più importante: la guarigione interiore. Un’esperienza così trasfigurante che le farà affermare: "La vera gioia passa per la Croce. Mi piace dire ai sofferenti, agli ammalati che se noi saremo umili e docili, il Signore farà di noi grandi cose…".

Benedetta riceve la comunione dalle mani di P. Gabriele Casolari.
Benedetta riceve la comunione dalle mani di P. Gabriele Casolari.

E il giorno dell’Incontro si avvicina. La mattina del 23 gennaio 1964, memoria dello Sposalizio della Vergine, una rosa bianca fiorisce, fuori stagione, in giardino. Quando lo sa, Benedetta dice: "E’ un dolce segno". Solo due mesi prima, infatti, aveva sognato di entrare in un cimitero di Romagna e di aver trovato in una tomba aperta una rosa bianca da cui emanava una luce abbagliante.

Benedetta moriva e una rosa quel giorno sbocciava, fuori tempo, nel suo giardino. Aveva detto: "Fra poco io non sarò più che un nome; ma il mio spirito vivrà, qui fra i miei, fra chi soffre, e non avrò neppure io sofferto invano."

Maria Di Lorenzo


Per ulteriori chiarimenti visitare il sito http://www.benedetta.it/Ita.htm


Questa notizia è apparsa su

Informazioni
e curiosità
Cerca Elenco
completo
Suggerisci Links
  Italia
 Milano  Meridiane  Edicole
ricerca rapida

 


 
  Scheda  
 
 
Nome e Cognome Benedetta Bianchi Porro
Dovadola, Fc 1936 - Sirmione, Bs 1964
Dove si trova via Catullo 7 - Sirmione, BS
Categoria varia
Segnalato da EDC
Per saperne di più ...
wikipedia Cerca Benedetta Bianchi Porro su Wikipedia
 
 
 
Affetta da grave malattia progressiva, nei suoi scritti rivela grande sopportazione cristiana.
 
 
 
     
 
 
(Testo)

 
+ 23 gennaio 1964

In questa casa
BENEDETTA BIANCHI PORRO
- segnata dalla Croce -
ha compiuto
il cammino di trasfigurazione
verso il grande incontro con Dio

La comunità di Sirmione pose
il 17 - 11 - 1996

 
 
 
     
 
Home Banner Torna indietro

Ultimo aggiornamento 23/12/2006