Stembiarid.gif (3643 byte)

 

 

I BIANCHI DI ORVIETO (Terni)

 

Dei principali rami derivati dalla famiglia Romana, quello di Orvieto è forse il più antico.
La prima traccia di un Bianchi salito alle più alte cariche della magistratura risale al 938 d.C. dove un tal Martino Bianchi resse la carica di Console.(Scipione Dolfi - Op.cit.)
In quest'epoca in molte città italiane, si reggeva un governo di Consoli, un tipo di magistratura che aveva molte attinenze con quella che governava l'antica Roma.
Nell'anno 1033 troviamo un' altra carica importante, quella di Capitano, ricoperta da Niccolò Bianchi e nel 1051 da Bartolomeo Bianchi.
La carica di Capitano era la più importante in quanto il titolato veniva scelto direttamente dal popolo fra i membri delle famiglie più importanti e benestanti che costituivano la classe nobile della città e alle quali spettava il diritto di formare il governo. Il capitano amministrava la giustizia, guidava gli eserciti in tempo di guerra, sovrastava ai consoli.
Fra il XII° e XIII° secolo anche in Orvieto si manifestarono i movimenti tra le fazioni dei Guelfi e quelle dei Ghibellini.(Vedi in Bianchi di Firenze l'argomento più approfondito)
I Bianchi furono di parte ghibellina (Cipriano Manenti - Cronaca Orvietana) e, come nel resto d'Italia, presero parte alle lotte che si scatenarono in Orvieto, contribuendo a mantenere alto il prestigio del loro partito con le loro ricchezze e la loro potenza.
Ma quando anche in Orvieto prevalse il partito Guelfo, la città entrò a far parte dello Stato Pontificio ed i Bianchi, caduti in disgrazia, furono allontanati dalle cariche governative e di loro non si è avuta più traccia.
Molto probabilmente, come spesso accadeva in tali circostanze, emigrarono in altra città instaurando forse un nuovo ceppo dei Bianchi.
Lo stemma dei Bianchi di Orvieto era così composto:

 

d'azzurro a due colombe affrontate d'argento,accompagnate in capo da due triangoli vuoti in nero, intrecciati in stella, col capo d'oro caricato di un'aquila bicipite di nero, ciascuna testa coronata di nero
G.B.di Crollanza - Dizionario

 

 


Ultimo aggiornamento 20/04/2005